Fare Meta

Per vincere una partita di rugby è necessario fare più mete degli avversari.

Un giocatore in gioco segna una meta quando:

  • porta il pallone nell’area di meta avversaria e schiaccia il pallone per terra, oppure
  • il pallone è nell’area di meta avversaria, e per primo fa un toccato a terra


Passare

E’ possibile passare la palla ad un proprio compagno. L’importante è non commettere un in avanti, detto anche passaggio in avanti.

Si ha un in-avanti quando il pallone si dirige verso la linea di pallone morto avversaria dopo che:

  • un giocatore ne ha perduto il possesso, oppure
  • un giocatore lo ha spinto o proiettato in avanti col suo braccio o la sua mano, oppure
  • il pallone ha colpito il braccio o la mano di un giocatore e ha toccato il suolo o un altro giocatore prima di essere recuperato dallo stesso giocatore.

Si ha un passaggio in avanti quando un giocatore, portatore del pallone, lo lancia o lo passa in direzione della linea di pallone morto avversaria.

Placcare

Placcare ovvero fermare un giocatore avversario per prendergli la palla è uno dei “movimenti” tipici del rugby.

Per placcare si può:

  • cinturare un giocatore dalla vita (sino all’U12) in giù per poi farlo cadere
  • effettuare una “francesina”: ovvero, uno sgambetto con le mani

Non si può:

  • afferrare un giocatore per i capelli
  • placcare alto: dalla vita in su (sino all’U12)
  • sgambettare oppure cinturare con le gambe (come avviene nello judo)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.